Il Certificato di Proprietà Digitale (CDPD)

Il PRA, dal 05/10/2015, al posto del Certificato di proprietà cartaceo, rilascia il Certificato di proprietà digitale CDPD.
Se un veicolo è stato movimentato dopo tale data (per esempio con un trapasso auto), è inutile cercare il Certificato di proprietà in quanto non è mai stato emesso.

Purtroppo, pensando di averlo smarrito, molti automobilisti denunciano lo smarrimento del CDP digitale.
Mentre la denuncia di smarrimento è indispensabile per richiedere il duplicato del Certificato di proprietà cartaceo, è inutile per il CDPD, in quanto non può essere richiesto il duplicato di un documento digitale.
Il Certificato di proprietà digitale non può essere smarrito in quanto l’unico originale è depositato nei server del PRA.

Chiunque abbia effettuato un trapasso auto dopo il 05/10/2015 oppure qualsiasi altra pratica auto che prevedeva l’emissione del Certificato di proprietà, non ha ricevuto il CDP cartaceo bensì una ricevuta “Attestazione di presentazione della formalità” contenente i codici di accesso che permettono la visualizzazione del certificato.

Sull’attestazione, oltre al codice alfanumerico di accesso è presente anche un QR-CODE (un quadrato bianco/nero). Inquadrandolo con un moderno cellulare è possibile visualizzare il CDPD.

E’ importante capire che, visualizzando il CDPD (per esempio attraverso il QR-CODE), stiamo vedendo le notizie presenti nel momento in cui è stato rilasciato il certificato (per esempio alla data in cui è stato trascritto il trapasso auto).
Se una pubblica amministrazione oppure un gestore privato di pubblici servizi, ha iscritto un fermo amministrativo dopo tale data, per noi non sarà visibile.

L’unico modo per verificare l’iscrizione di un fermo amministrativo oppure di qualsiasi altro gravame, iscritto dopo il rilascio del Certificato di proprietà digitale, è quello di richiedere una Visura PRA per targa (la rilasciamo anche noi).

Lo smarrimento dell’Attestazione di presentazione della formalità (la ricevuta del CDPD), non è importante in quanto, in quanto Sportello Telematico dell’Automobilista STA, possiamo richiamare il CDPD attraverso il numero di targa del veicolo e il codice fiscale del proprietario.
Sempre attraverso il numero di targa e il codice fiscale, possiamo verificare se un Certificato di proprietà è in formato cartaceo oppure se è in formato digitale.

In conclusione, se per il veicolo è stato emesso un Certificato di proprietà digitale CDPD, per effettuare un trapasso auto sarà sufficiente avere la Carta di circolazione (libretto).